Help with Search courses

PagoPA è una delle piattaforme abilitanti previste nel Piano Triennale per l’informatica nelle Pubbliche Amministrazioni che ha l’obiettivo di portare a una semplificazione della gestione dei pagamenti pubblici, sia per i cittadini sia per le Amministrazioni. Descriveremo la crescita della piattaforma e i vantaggi che le Pubbliche Amministrazione hanno nell’adottarla e risponderemo a tutte le curiosità riguardo le modalità di integrazione.

Relatori

Giuseppe Virgone, Responsabile Pagamenti Digitali, Team per la trasformazione digitale - Presidenza del Consiglio dei Ministri


NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

Dalla creazione di pagine aziendali e contenuti efficaci, all’analisi di casi studio e promozione delle proprie attività imprenditoriali attraverso le storie di Instagram. L’evento, della durata di due ore, si inserisce in un vasto percorso avviato da Fondazione Mondo Digitale con l'obiettivo di formare e sensibilizzare donne e imprenditrici sul tema social network e opportunità per il business, fornendo loro gli strumenti, la formazione e gli esempi necessari per far crescere il proprio business o avviare un'attività imprenditoriale.

Relatori

Nicoletta Vulpetti Fondazione Mondo Digitale


NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: 1

Gratuito e previsto dal Codice dell'Amministrazione Digitale, "Entra con CIE" è il nuovo schema di identificazione basato sulla Carta di Identità Elettronica con cui consentire l’autenticazione ai servizi online e attualmente in corso di notifica in Europa ai sensi del Regolamento eIDAS.

I partecipanti, a seguito della sessione, avranno le informazioni necessarie per integrare agevolmente lo schema di autenticazione con CIE all’interno dei loro servizi.

Relatori

Valerio Paolini, Technical Project Manager, Team per la Trasformazione Digitale - Presidenza del Consiglio dei Ministri

Antonio Antetomaso, Responsabile della divisione “Technical Project Management and design” - Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato


NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

Il dato aperto può essere considerato come lo strumento di partenza per innescare processi collaborativi per la creazione di un servizio, anche pubblico.

Il riuso degli Open Data governativi, in particolar modo, può costituire un’opportunità di incontro tra interessi commerciali locali e strategie di governance del territorio di lungo periodo, che ha bisogno di essere monitorato e coordinato.

Come coordinare processi – talvolta spontanei - di questo tipo? Come proiettarli in una logica di lungo periodo?

Relatori

Ilaria VitellioMappiNA

NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it


  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

L'Academy affronterà questi temi:

- Scenario ed evoluzione del mercato digitale

- Evoluzione e abitudini di navigazione degli utenti

- L’importanza di conoscere le esigenze reali e i bisogni delle personas che compongono l’audience di riferimento delle PA

- Individuare obiettivi di Comunicazione e di Conversione di una PA sul canale digitale per predisporre una strategia digitale adeguata

- Come avviare un strategia digitale consistente per una PA (owned e co-owned property, storytelling, promozione, misurazione, etc.)

- Panoramica dei principali canali di Digital Marketing: focus sul ruolo dei motori di ricerca e focus sul ruolo dei social network

- L’importanza di misurare e analizzare l’efficacia di quanto predisposto sul canale digitale

Relatori

Claudia LanzaFounder and CEO Altura Labs - Google Regional Trainer per il mercato italiano

Daniele DonzellaBusiness Intelligence Consultant & Partner Altura Labs e Google Regional Trainer per il mercato Italiano


NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

Il Responsabile per la transizione digitale nella PA ha un ruolo di assoluta e strategica rilevanza e infinite responsabilità. Una figura, resa obbligatoria dall’art. 17 del Codice dell’Amministrazione Digitale, che risulta decisiva e necessaria in tutte le realtà della Pubblica Amministrazione per il successo dei processi di digitalizzazione e di riorganizzazione. All’interno del Piano Triennale per l’informatica pubblica 2019-2021 un ruolo chiave è attributo ai RTD e alle Rete nazionale di RTD nello sviluppo e nella crescita digitale delle Amministrazioni del nostro Paese. L’Academy sarà finalizzata a illustrare un modello e un approccio operativo alla gestione e al coordinamento dei processi di transizione al digitale, compiti che sono in carico alla figura del RTD.

Partendo dalle funzioni e dai compiti indicati dall’art. 17 del Cad, si forniranno indicazioni utili per impostare un percorso di transizione al digitale di una PA facendo leva su alcuni step e aspetti chiave: individuazione delle aree di intervento, rafforzamento delle competenze, definizione di strumenti, momenti di confronto e benchmarking. L’Academy sarà inoltre l’occasione per sperimentare come poter misurare il livello di maturità della propria PA su alcune dimensioni chiave della transizione al digitale, e di approfondire un modello di accompagnamento e coaching ai RTD per enti piccoli e medi.

Relatori

Giovanna Stagno, Responsabile RAF (Ricerca, Advisory e Formazione) - FPA

Michele ZanelliManager P4I - Digital360

Gabriele MarcheseResponsabile open data e Responsabile Transizione al Digitale - Comune di Palermo


NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

A dieci anni dall’avvio delle politiche sui dati aperti, facciamo il punto su quello che è ancora necessario fare per rendere gli opendata parte integrante e preponderante dell’attività pubblica. Nel breve excursus ci soffermeremo sugli aspetti normativi in cambiamento e sulle nuove scelte in tema di licenze.

Relatori

Morena Ragone, Giurista, dottore di ricerca, esperta in diritto applicato alle nuove tecnologie - Regione Puglia

NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

L'essenza degli Open Data sta tutto nel loro riuso. Il motivo per cui le Pubbliche Amministrazioni pubblicano dati aperti, infatti, è proprio per consentirne il riuso da parte della società civile e delle imprese. Sappiamo però che questo avviene solo in parte. A fronte di tantissimi dataset che sono stati pubblicati come dati aperti e che è possibile trovare sul catalogo nazionale dati.gov.it, il riuso resta limitato. Uno dei motivi è probabilmente il fatto che sono pochi i dati che esprimono delle potenzialità, o che possono essere considerati ad alto impatto. Se così fosse, i portatori di interesse – le cui esigenze imprenditoriali di riuso dati sono aumentate - potrebbero usarli.

L’Academy costituirà un momento utile per parlare di sostenibilità delle iniziative Open Data attraverso ad alcuni casi d'uso di successo, ma anche su come la PA può agire sullo spazio e sul tempo per amplificare le potenzialità dei dati.

Relatori

Vincenzo PatrunoDipartimento per la raccolta dati e lo sviluppo di metodi e tecnologie per la produzione e diffusione dell'informazione statistica - Istat

NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it


  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

Designers Italia è il punto di riferimento della Pubblica Amministrazione italiana per la progettazione e sviluppo di servizi digitali e risponde al bisogno dei cittadini di avere servizi pubblici più semplici ed efficaci. Per questo motivo mette a disposizione delle Pubbliche Amministrazioni linee guida, un ambiente di collaborazione e soprattutto strumenti operativi corredati da esempi di realizzazione. Nell’intervento ne vedremo alcuni, relativi alle diverse fasi del ciclo di ideazione e gestione di un servizio: mappatura dei bisogni degli utenti, esplorazione di soluzioni con il coinvolgimento degli stakeholder, architettura dell’informazione e sviluppo di interfacce web moderne e mobile-first.

Relatori

Lorenzo Fabbri, Content Designer e responsabile Designers Italia, Team per la trasformazione digitale - Presidenza del Consiglio dei Ministri

NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

Il cap. 10.1 del Piano Triennale propone un nuovo paradigma per gli acquisti pubblici d’innovazione. La Piattaforma per gli acquisti di innovazione (appaltinnovativi.gov.it) è lo strumento principale di accompagnamento alle amministrazioni pubbliche che vogliono intraprendere il nuovo percorso. Il seminario affronta in modo sintetico, ma sistematico, l’inquadramento dell’istituto del procurement di innovazione nel più ampio modello dell’open innovation, la funzione di public innovation brokerage della Piattaforma ed infine fornisce informazioni sulle evoluzioni ed iniziative previste nel 2019.

Relatori

Mauro DraoliResponsabile Servizio strategie di procurement e innovazione del mercato - AgID

Guglielmo De GennaroServizio di procurement e innovazione del mercato - AgID

Laura AriaDirezione generale incentivi alle imprese - Ministero dello Sviluppo Economico


NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

Nell’ambito del project management, la filosofia "Agile" si è dimostrata utile per conseguire con successo gli obiettivi delle organizzazioni. Tale approccio, infatti, aiuta i suoi membri a rispondere all’incertezza e a massimizzare la propria efficacia, attraverso cicli di lavoro incrementali ed iterativi, accompagnati da feedback empirici.

Negli anni, numerosi autori si sono dedicati allo studio dell’Agile nelle sue accezioni - Lean, Scrum, Kanban - e in confronto agli approcci tradizionali, evidenziandone gli effetti anche in termini di innovazione. Il percorso mira al raggiungimento di elevati livelli consapevolezza sulle logiche di fondo dell'“Agile” e sulle dinamiche connesse all'adozione di tale metodologia. Grazie anche ad un approccio empirico basato su casi d’uso reali e alla condivisione di risorse pratiche, esso consente di adottare concretamente la metodologia “Agile”, al fine di raggiungere elevati livelli di efficienza ed efficacia nella gestione dei progetti.

Relatori

Gianluigi CogoProject Manager - Regione Veneto

NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

Sono passati quasi 10 anni da quando la parola "open data" è diventata uno slogan importante nelle politiche delle pubbliche amministrazioni. Tante sono state le promesse e le aspettative e poche le storie di successo che hanno avuto rilevanza nazionale. In realtà si tratta di un percorso ancora molto lungo e che necessita ancora di molta cura. È solo facendo attenzione a questi aspetti che l'open data può mantenere le sue promesse cominciando, prima di tutto, a rendere migliore il lavoro di chi i dati deve produrli.

L'Academy in primo luogo è quindi rivolta a tutti coloro che sono impegnati nella creazione del patrimonio informativo pubblico e nella sua valorizzazione cercando di garantirne continuità nel tempo.

Relatori

Maurizio Napolitano, Fondazione Bruno Kessler Trento

NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

SPID e CIE sono due piattaforme abilitanti previste dal Piano Triennale per l’Informatica nelle Pubbliche Amministrazioni, durante la presentazione vedremo in che relazione sono tra di loro e come molto di quello che facciamo sia costruito su una catena di relazioni. Esploreremo come e dove è possibile utilizzare SPID e CIE, come queste siano collegabili tra loro e le loro differenze, senza dimenticare uno sguardo alle evoluzioni correnti e agli impatti sui servizi, fisici e online, nei prossimi anni. Scopo della sessione è fornire una visione complessiva degli strumenti di identificazione e come questi potranno essere utilizzati fin da subito per l’evoluzione dei servizi della PA al cittadino.

Relatori

Luca Bonuccelli, Technical Project Manager, Team per la trasformazione digitale - Presidenza del Consiglio dei Ministri

Valerio Paolini, Technical Project Manager, Team per la Trasformazione Digitale - Presidenza del Consiglio dei Ministri


NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it


  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

Riconoscere e valorizzare la centralità dei dati come elemento indispensabile per sviluppare politiche pubbliche efficaci è una delle grandi sfide con cui devono attualmente confrontarsi gli enti pubblici di ogni livello. Predisporre un ambiente favorevole alla raccolta strutturata di informazioni, gestire la loro conservazione in maniera funzionale e in coerenza con la normativa nazionale ed europea e, infine, esporre il proprio patrimonio informativo per favorire lo sviluppo dell'economia della conoscenza sono tutti compiti che spettano agli PA, anche se ancora molti enti pubblici fanno fatica a riconoscersi nel ruolo di “editori” di dati. Partendo da queste premesse l’Academy affronterà questi temi:

- Definire il concetto di qualità dei dati governativi aperti

- Favorire lo sviluppo servizi innovativi basati sui dati aperti

- La questione della visibilità della fonte dei dati all’interno dei servizi di terze parti

- Il procurement dei dati aperti

Relatori

Gianfranco Andriola, Esperto open data

NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

Nell’ambito del project management, la filosofia "Agile" si è dimostrata utile per conseguire con successo gli obiettivi delle organizzazioni. Tale approccio, infatti, aiuta i suoi membri a rispondere all’incertezza e a massimizzare la propria efficacia, attraverso cicli di lavoro incrementali ed iterativi, accompagnati da feedback empirici.

Negli anni, numerosi autori si sono dedicati allo studio dell’Agile nelle sue accezioni - Lean, Scrum, Kanban - e in confronto agli approcci tradizionali, evidenziandone gli effetti anche in termini di innovazione. Il percorso mira al raggiungimento di elevati livelli consapevolezza sulle logiche di fondo dell'“Agile” e sulle dinamiche connesse all'adozione di tale metodologia. Grazie anche ad un approccio empirico basato su casi d’uso reali e alla condivisione di risorse pratiche, esso consente di adottare concretamente la metodologia “Agile”, al fine di raggiungere elevati livelli di efficienza ed efficacia nella gestione dei progetti.

Relatori

Paolo FerrantiPh.D in Economics and management Kanban Master - Elicos

Fabio FraticelliPh.D in Organizzazione Aziendale Docente di Organizzazione delle aziende pubbliche - Università Politecnica delle Marche


NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

Negli ultimi anni i social media sono diventati strumenti imprescindibili nella gestione dei servizi pubblici, nei rapporti con i cittadini e gli stakeholder, nella gestione delle emergenze e degli eventi, nell’offerta di servizi e informazioni di qualità.

Il settore Ambiente e Servizi Pubblici ha un’esigenza forte di crescita e sviluppo sulle nuove piattaforme social e chat per poter offrire ai cittadini una comunicazione sempre più di qualità. Social e emergenze ambientali: siamo preparati? Web, social, chat per la comunicazione delle tematiche ambientali, a che punto siamo? Quali esperienze? Come farlo al meglio? Nei servizi pubblici la nuova comunicazione social rappresenta un asset fondamentale: per gli eventi, le emergenze, il servizio quotidiano. Come rendere ancora più efficace la comunicazione al cittadino delle istituzioni, utilities, imprese?

In questa Academy ne parleremo con esperienze concrete, casi pratici, funzionalità e competenze utili per gestire al meglio la nuova comunicazione ambientale e di servizio pubblico.

Relatori

Gianluca SpitellaDirettore Comunicazione - ARERA (Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente)

Federico GrassoResponsabile ufficio comunicazione - Arpa Liguria

Loredana LattucaResponsabile Ufficio Stampa e Social Media - Arpa Piemonte


NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

Pubblicare in Open Data non significa solo ottemperare a un obbligo normativo (sebbene lo sia), piuttosto si tratta di progettare un ambiente che possa accogliere il dato, e renderlo accessibile e leggibile da parte di chiunque ne abbia interesse.

A partire dall’esperienza di Regione Campania nell’ambito del progetto Open Data Campania, l’incontro si costituirà come un’occasione di informazione-formazione per approfondire la strategia e l’impalcatura che ci sono dietro l’interfaccia di un portale Open Data.

Relatori

Dario Fonzo, Funzionario esperto informazione e comunicazione - Ufficio stampa e comunicazione - Regione Campania

NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

Con l'avvento della direttiva europea in materia di accessibilità, ci si è finalmente resi conto che il tema dell'accessibilità non è più una mera verifica tecnica del prodotto in fase di collaudo ma un processo di sviluppo e di lavoro quotidiano. In questo seminario saranno presentate le novità derivanti dal recepimento della direttiva europea con un impatto nelle forniture ICT - hardware, software, web, documenti, applicazioni mobili - per le PA.

Relatori

Roberto Scano, Presidente - IWA Italy

NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

SPID e CIE sono due piattaforme abilitanti previste dal Piano Triennale per l’Informatica nelle Pubbliche Amministrazioni, durante la presentazione vedremo in che relazione sono tra di loro e come molto di quello che facciamo sia costruito su una catena di relazioni. Esploreremo come e dove è possibile utilizzare SPID e CIE, come queste siano collegabili tra loro e le loro differenze, senza dimenticare uno sguardo alle evoluzioni correnti e agli impatti sui servizi, fisici e online, nei prossimi anni. Scopo della sessione è fornire una visione complessiva degli strumenti di identificazione e come questi potranno essere utilizzati fin da subito per l’evoluzione dei servizi della PA al cittadino.

Relatori

Luca Bonuccelli,Technical Project Manager, Team per la trasformazione digitale - Presidenza del Consiglio dei Ministri

NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

Punti, classifiche, preferenze, una grafica accattivante e una struttura semplice: a Mosca, Madrid e Barcellona chi ha una proposta per migliorare la città la condivide online; se riceve abbastanza “like” può vedere la propria idea realizzata, vincere due biglietti per il teatro o addirittura essere invitato a fare colazione con il sindaco.

In Australia, nel 2014, il Dipartimento nazionale di statistica, per sensibilizzare la popolazione sul proprio lavoro, ha studiato un vero e proprio videogioco che consente di cimentarsi alla guida di un centro urbano immaginario, utilizzando però dati presi dalla realtà. È la gamification: l’applicazione delle dinamiche proprie dei videogiochi in contesti non ludici, una tecnica sviluppata nel marketing e oggi in rapida diffusione in ambiti diversi, dalla comunicazione politica al giornalismo, passando per le attività di lobbying e di governo. Introdurre incentivi ludici nelle politiche pubbliche funziona? Fino a che punto è possibile, per un regolatore, investire sui giochi per risolvere problemi di governo?

Il workshop mira a illustrale il potenziale, e descrivere i limiti, dell’uso della gamification nel settore pubblico. Dopo aver preso in esame problemi concreti affrontati dai decisori pubblici di tutto il mondo, i partecipanti proveranno ad escogitare soluzioni innovative, utilizzando le tecniche di base della gamification, e confrontando le idee emerse con le soluzioni reali.

Relatori

Gianluca Sgueo, Policy Analyst presso il Parlamento europeo

NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it


  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

Con la pubblicazione del nuovo Piano Triennale 2019-2021 è stata ufficialmente avviata la strategia Cloud First della PA che permetterà di sviluppare servizi digitali più affidabili e sicuri ad un costo ridotto e che, soprattutto, consentirà il rinnovamento complessivo dei servizi digitali nel Paese. Questo nuovo scenario apre questioni degne di interesse.

Quali sono le sfide che tecnici e manager della PA dovranno affrontare? Come gli altri Paesi hanno affrontato tali sfide? Quale ruolo potrà assumere la comunità tecnica DevOps nella PA? Quali opportunità si apriranno per i fornitori ICT delle pubbliche amministrazioni?

Nei primi mesi del 2019 alcune amministrazioni coraggiose insieme al Team Digitale hanno iniziato ad analizzare le principali sfide tecnologiche che la PA deve affrontare per migrare i propri servizi in cloud dando il via allo sviluppo del Piano di abilitazione nazionale al Cloud per la PA basato sull’uso di un modello collaborativo orientato all’apertura verso le community tecnologiche. Durante la sessione proviamo a gettare uno sguardo sul piano di abilitazione all’utilizzo delle tecnologie cloud nell’ambito dei servizi pubblici.

Relatori

Paolo De Rosa, Esperto Cloud & Data Center, Team per la trasformazione digitale - Presidenza del Consiglio dei Ministri

NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

Le attività di comunicazione sul Web rappresentano un elemento determinante, soprattutto per la PA, per favorire il dialogo con i cittadini e gli utenti. Molte volte, però, il Web non è utilizzato al meglio.

Nel corso dell’Academy verrà presentata una metodologia per individuare le attività di comunicazione sul Web e analizzarle in modo dettagliato, partendo dalla firma utilizzata nelle email, per arrivare alle caratteristiche comunicative, di accessibilità e tecniche del sito Web, al piano editoriale del blog, e alle attività sui social.

Con l'individuazione degli elementi e la loro valutazione di impatto qualitativo, si avrà a disposizione un quadro di riferimento sul quale ragionare per migliorare la comunicazione sul Web.

Relatori

Pasquale Popolizio, Vice presidente - IWA Italy

NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it


  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

La storia, le storie, le stories. Questo il focus dell'Academy che si soffermerà su nascita, contenuti e strategie dei canali digitali Miur Social. 

La Storia

Da Facebook a Telegram: la storia del Miur sui Social, gli obiettivi di comunicazione, i pubblici di riferimento.

Le Storie

Il piano della narrazione orizzontale, valoriale ed emozionale: come raccontare le storie di ogni giorno dal mondo della scuola, dell'università e della ricerca.

Le stories

Il visual storytelling: focus pratico sul buon uso degli strumenti per una comunicazione immediata, efficace e in real time.

Relatori

Alessandra MigliozziCapo Ufficio Stampa - Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca
Fabrizio D'AgostaConsulente per la comunicazione istituzionale, politica e d'impresa
Lorenzo De AngelisSocial Media Manager
Christian TosolinResponsabile social - Comune di Trieste

NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it


  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet

La comunicazione dei fondi europei è spesso trattata come un esercizio burocratico finalizzato al mero adempimento di obblighi di legge. Il tema, a dispetto della intrinseca complessità e dell’uso di acronimi e termini tecnici, possiede un innegabile potenziale comunicativo che può avere ampi impatti positivi anche sulla visibilità e reputazione delle istituzioni coinvolte.

Dopo una breve introduzione sulle principali sfide legate alla comunicazione dei fondi europei, il seminario proporrà alcuni esercizi pratici con l’obiettivo di trasformare informazioni tecniche in efficaci azioni di comunicazione per i cittadini.

Il seminario si rivolge anche ai comunicatori non direttamente coinvolti nei fondi europei.

Relatori

Matteo SalvaiCommunication Officer Commissione Europea 
Francesco MolicaCommunication Officer - Commissione Europea

NB: Il video integrale di questa Academy è rilasciato gratuitamente e in libera fruizione in questa pagina, non bisogna iscriversi al corso per accedervi.

Per qualsiasi ulteriore informazione consulta la pagina dell'evento o scrivi a fpadigitalschool@fpanet.it

  • Enrolled students: No students enrolled in this course yet